Struttura discreta dello spaziotempo

Riformulando la fisica e in particolare le nozioni di spazio e di tempo, mi sono accorto che era possibile risolvere i paradossi di Zenone e dare una giustificazione “strutturale” dell’esistenza della velocità limite della luce, cosa che nella fisica classica nessuno era ancora riuscito a fare.
Ho quindi realizzato il seguente articolo scientifico:


Tale articolo è pubblicato nell’archivio internazionale non soggetto a peer review:


viXra.org

ed è consultabile (nella sua versione in inglese) su: viXra