I paradigmi della mente e le scienze esatte

L’esempio di un importante problema scientifico che i paradigmi della mente permettono di risolvere riguarda la natura delle scienze esatte.

Le scienze esatte, come dice il nome, hanno la peculiare caratteristica di consentire una conoscenza se vogliamo definitiva dell’ambito di realtà indagato, come avviene ad esempio nel caso della matematica.

Il perché ciò si verifica è un mistero ancora irrisolto. Ma vediamo cosa possiamo concludere in proposito attraverso i paradigmi della mente.

Per prima cosa conviene osservare come le scienze esatte non siano altro che una descrizione delle proprietà che le varie manifestazioni della realtà mostrano nello spazio. Ad esempio la verità matematica secondo la quale: “uno più uno è uguale a due” è semplicemente un modo per descrivere come mutano due lunghezze uguali tra loro, quando le percepiamo una affiancata all’altra.

Poiché le proprietà che la nostra immaginazione mostra nello spazio sono ben precise e si mantengono immutate, è evidente che varranno sempre e comunque soddisfatte da qualsiasi oggetto da noi immaginato. E in virtù della corrispondenza creativa tra la nostra mente e la realtà, tali proprietà si ritroveranno ad essere soddisfatte pari pari negli oggetti reali.

Ad esempio una proprietà che la nostra immaginazione mostra nello spazio è quella che percezioni distinte possano essere prodotte contemporaneamente conservando la propria individualità. Per questo sarà sempre vero sia nella nostra immaginazione che nella realtà che affiancando due lunghezze uguali, verrà a prodursi una lunghezza pari al doppio.

E quindi sarà sempre vero che “uno più uno è uguale a due”.

Comments are closed.

Post Navigation