I paradigmi della mente e i preconcetti contrari

L’idea che l’universo non si regga in sé stesso ma sia il prodotto di una mente che lo immagina può apparire assurda in un’epoca materialista come la nostra. In quest’epoca infatti la scienza considera la materia, nell’accezione più ampia del termine, come autosufficiente in sé stessa.

Si tratta però di una conclusione illecita in quanto non siamo a conoscenza di alcun fenomeno osservabile e ripetibile in grado di giustificarla.

Detto in altri termini: non vi è alcun fenomeno in grado di fornire un esempio concreto della capacità della materia di sussistere in sé stessa. Quello che osserviamo infatti è che la materia esiste, mentre ci sfugge completamente ciò che le permette di riuscirci.

È chiaro che non essendoci alcuna evidenza della capacità della materia di essere autosufficiente in sé stessa, è del tutto legittimo, se non addirittura indispensabile, prendere in considerazione l’ipotesi che a sostenerla sia dell’altro.

Comments are closed.

Post Navigation